GO TO THE ENGLISH VERSION

OBIETTIVO DEL PROGETTO

La NOI scgtorino APS con il progetto «THE WALL OF INCLUSION» si rivolge soprattutto a ragazzi e giovani, per stimolarli in modo creativo e dinamico, coinvolgendoli in una riflessione e in un percorso di sensibilizzazione contro ogni forma di razzismo, intolleranza e discriminazione.

Il titolo «THE WALL OF INCLUSION» è esplicativo della volontà di realizzare attraverso questo progetto un’opera che offra una testimonianza duratura di coesione sociale. La realtà parrocchiale in cui l'associazione opera è caratterizzata dalla presenza di un importante Polo caritativo della città, di conseguenza appare prioritario unire il contributo dei giovani con quello di altre fasce della popolazione a cui si cerca quotidianamente di rivolgere attenzioni, per aumentare la coesione sociale del quartiere multietnico di San Salvario. Pertanto insieme ai giovani (Gruppo Giovani) si ritiene fondamentale creare delle condizioni favorevoli al coinvolgimento di persone anziane, (Gruppo Senjor) migranti e adulti emarginati ospiti della Mensa Parrocchiale (compresi i volontari).

Attraverso workshop e laboratori pratici è possibile rendere i giovani parte integrante del progetto, perché ne diventino i protagonisti, affinché accompagnati e guidati da alcuni professionisti, possano realizzare un’opera significativa per il quartiere dove è collocata.

Carousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel image

UTENZA A CUI È DESTINATO IL PROGETTO

L’opera riguarda la realizzazione di un murales, che se pur collocato all’interno di uno spazio privato, si affaccia su una via, nella quale transitano tutti coloro che si recano agli edifici attigui: un polo universitario per le Scienze Infermieristiche e soprattutto l’edificio che ospita la più importante testata giornalistica cittadina «La Stampa» con annesso Museo.

Di conseguenza pare evidente, come l’opera possa assumere significato, non solo per i frequentatori dell’Oratorio e del Polo Caritativo Parrocchiale, ma anche per i giovani universitari che si recano a lezione, gruppi scolastici che visitano il Museo e più in generale per chi accede alla sede del giornale.